Il giro del mondo in 65 quotidiani

Ricordo il sorriso del ragazzo cingalese a Kandy, che avrebbe voluto chiedermi cosa ci potessi capire.  Ricordo il gatto sulla cassa del negozio che li vendeva ad Istanbul, vicino alla pasticceria dell’omone dalla barba bianca. Ricordo il profumo di spezie che c’era intorno alla bancarella a Damasco. Ricordo Balengo che me ne fatto omaggio a Zanzibar.

Non saprei dire quando ho cominciato a collezionare quotidiani, non avevo intenzione di farne un souvenir. Ne è nata una testimonianza di presenza:  essere in un posto in un giorno esatto. Una mappa senza confini, solo una data e segni grafici diversi per ogni paese. Una sorta di rassegna stampa di luoghi: il giro del mondo in 65 quotidiani.

Ora questa collezione aveva voglia di essere vista.

Questo articolo ha 4 commenti.

    1. pacoinviaggio

      Grazie, grazie, grazie

      1. Però mi sa che te la copiero’! 😀 E mi pento amaramente di non averlo fatto in Polonia, Danimarca… Insomma in quegli stati di cui non conosco la lingua!

  1. pacoinviaggio

    Fai pure! C’è sempre tempo per rimediare…. grazie di essere passata.

Rispondi