Roma, Caravaggio ed il viaggiatore distratto

È un martedì pomeriggio di fine ottobre e tra poco chiuderanno bar e ristoranti. In giro non c’è quasi nessuno: un’atmosfera innaturale per una città come Roma. La fontanella di Campo de’ fiori sembra smarrita per la quiete che prevale nella piazza e nei vicoli vicini. A poco a poco la luce dei lampioni vince sulle macchie che il tramonto lascia sui palazzi ed i sampietrini intorno, ed io cammino…