In nome di Dio

innomedidio.jpgIl mio rapporto con la religione è confuso, contraddittorio. Se penso a quante guerre, quanta sofferenza, quanti morti ci sono stati nella storia dell’umanità in nome di Dio, rabbrividisco. Quante divisioni, quanti contrasti, quante diversità. Ho potuto fare una sorta di viaggio in queste diversità.

moschea4chiesa valdese3sinagoga2roma9Roma. Per entrare nella Basilica di San Pietro, bisogna fare la coda in un percorso obbligato. Nella Chiesa Evangelica Valdese ci si può intrufolare, mentre per entrare nella Moschea bisogna togliersi le scarpe. Nella Sinagoga è molto più difficile.
L’architettura è ovviamente diversa, ognuna a suo modo stupenda. All’interno ci si comporta in modo diverso. I turisti affollano San Pietro in ordine sparso, mentre sono ordinati e guidati nella Sinagoga. C’è qualche curioso nella Chiesa Valdese, nella Moschea solo fedeli.

innomedidio2.jpgChi prega lo fa in modo diverso, in lingue diverse e con gesti diversi. Mi siedo, in modo diverso, e sento profumi diversi.

Ma quando resto con la coscienza nuda davanti a Dio, tutte queste diversità scompaiono in un istante. Cerco lo sguardo degli altri e capisco che tutti chiedono le stesse cose, tutti ringraziano per le stesse cose. Tutti provano le stesse sensazioni e le stesse emozioni.
Allora perché, in nome di Dio, il mondo continua a distruggersi!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *